Conosciamo meglio l’Australia (2 parte): IL PUB

Il PUB è un elemento fondamentale della cultura australiana insieme al BARBEQUE o più semplicemente BBQ o BARBIE, come lo chiamano gli Aussie.

Oggi tratteremo il PUB.

Forse in pochi l’avranno notato, ma in Australia mancano le piazze, intese come concezione europea di punto di ritrovo. Qui la piazza spesso è uno spazio che divide 2 strade e serve da passaggio. È rarissimo vedere persone darsi come punto di ritrovo una piazza o più semplicemente vedere persone riunirsi in gruppi nelle places.

Il vero punto di aggregazione in Australia è il pub, probabilmente questo deriva dal fatto che questa nazione è stata colonizzata da Inglesi.

In città ogni suburb (quartiere) ha il proprio pub, così come ne troverete almeno uno anche nel paesino più piccolo sperduto in mezzo al nulla.

Rispetto a quello che si intende in Italia, qui il pub, molto spesso, offre anche un servizio di pernottamento. È per questo che molti pub sono ricavati in hotel o in strutture adatte alla ricezione di persone.

Interessante notare che fino agli anni 70 il pub era diviso in 2 zone: una per gli uomini e una lounge per le donne.

La maggior parte delle consumazioni riguarda la birra, anche se ultimamente si sta diffondendo una moda per quanto riguarda il vino, complice anche il fatto che alcuni vini, specialmente del South Australia stanno ottenendo riconoscimenti e premi ambiti a livello mondiale.

Uno dei problemi principali che l’Australia ha dovuto affrontare negli anni sono stati l’alcolismo e l’ubriachezza molesta.
Per questo, fino a qualche anno fa i pub chiudevano alle 6 di sera e gli avventori, una volta avvisati dell’imminente chiusura erano soliti ordinare 3 o 4 bicchieri e beri tutti di colpo, con le conseguenze che potete immaginare.
Il problema ora, sebbene non risolto del tutto, è stato in gran parte eliminato con l’introduzione di leggi e punizioni severe per i locali che incoraggiano a consumare alcol o che servono bevande alcoliche a persone visibilmente ubriache.

Tra le misure adottate ricordiamo:

  • possibilità di ordinare acqua del rubinetto (tap water) gratuitamente a qualunque ora
  • divieto di servire alcolici a prezzi ridotti se non occasione di happy hour e comunque sempre accompagnandoli con qualcosa da mangiare
  • divieto assoluto di servire alcol a persone in visibile stato di ubriachezza, pena una multa di circa 20.000$ da dividere tra proprietario del locale, manager e barista
  • divieto per una persona di ordinare più di un alcolico per volta. Questa regola inizialmente è la più difficile da comprendere per il seguente motivo: se siete al bar con 4 amici e ordinate 4 birre al bancone, vi verrà chiesto per chi sono e voi dovrete indicare i 4 amici, altrimenti non vi verranno servite in quanto il barista potrebbe pensare che siano tutte per voi.

Queste regole non vi impediranno comunque di passare una piacevole serata tra amici, e poi, non dovrete dimenticarvi lo “SHOUT”, che in questo caso non significa urlare, ma pagare un giro di bevute ai vostri amici che poi faranno lo stesso.

Abbandonare uno shout se non avete ancora pagato, ovviamente, è considerata una brutta cosa e da codardi.

Una cosa molto intelligente che vedrete fare da praticamente tutti gli australiani è: recarsi al pub in auto per poi ritornare a casa con i mezzi pubblici (nelle capitali) o in taxi (in tutti i centri abitati) e ritornare il giorno successivo a recuperare il proprio veicolo.

Alla settimana prossima con: il BARBIE

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *