Working holiday e tasse: dal 2016 al 32.5%

Brutto colpo per chi avrà un working holiday visa: dal 2016 infatti verrà eliminata la no-tax area, finora compresa tra 0 e 18.200 dollari australiani. In parole povere, si pagheranno le tasse per ogni dollaro guadagnato indipendentemente dal reddito prodotto durante l’anno fiscale.
(ricordiamo che l’anno fiscale va dal 1° luglio al 30 giugno)

 

E’ finita l’era del tax back?

taxtimePer il governo australiano non saranno certo “noccioline”: si stima un risparmio di circa 450 milioni di dollari. Per i backpacker invece sarà una bella sorpresa: non ci sarà più quindi il famigerato tax back, o tax return.

I working holiday non avranno più indietro le tasse pagate fino a 18.200 dollari di reddito prodotto. Finora questo rimborso era una manna dal cielo: un media di 2.600$ a persona che veniva bonificata direttamente sul  conto corrente bancario, una cifra comoda per pagare alcune spese o organizzare qualche viaggio…

Dal 2016 quindi si pagherà una percentuale fissa sul reddito prodotto, precisamente il 32,5%.

Il provvedimento entrerà in vigore dall’anno fiscale 2016-17, quindi se al momento state lavorando in Australia con un WH non avrete di che preoccuparvi.

 

Quale futuro per il working holiday in Australia?

Molti analisti stanno chiedendosi come verrà influenzato il mercato del lavoro da questo cambiamento. Tutti sono consapevoli che molti backpacker in Australia lavorano in area regionale e molti fanno lavori che gli australiani stessi non sono disposti a fare.

Complice anche il sovraffollamento, molti sostengono che l’esperienza WH in Australia non è più attraente come qualche anno fa. E con questo provvedimento lo sarà sempre meno!
Uno dei tanti obiettivi del lavoro downunder è proprio il tax back: si stima che nei prossimi quattro anni ci sarà un calo del 20% a causa di questa condizione venuta meno. Quanto sarete motivati sapendo che l’ATO si prenderà un terzo del tuo reddito?

Sicuramente il governo si sarà fatto i suoi conti, non a caso il prezzo del visto passa da 420$ a 440$, con un aumento del 5%.

Vedremo quali saranno i risultati fra qualche anno…

(potete trovare il sito del Budget qui, dove sono presenti tutti i documenti federali)

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *